INTERVISTA A: MONARKAOTIKA

A poca distanza dall’uscita del loro album “MeravigliosaMente Instabile” , abbiamo conosciuto i Monarkaotika:

  1. Il nome del gruppo si rifà all’idea della metamorfosi: ma quale immagine avete della musica
    di oggi?


Sì, si rifà all’idea della metamorfosi ma il nome del gruppo rispecchia anche la musica che
facciamo. Il nostro simbolo è la farfalla monarca, quella delle lunghe migrazioni, ma il nostro
nome si rifà anche alla “monarchia del caos”, alla libertà cioè di esprimere quello che vogliamo.
Sull’immagine che abbiamo della musica di oggi, possiamo dire che siamo un po’ fuori da
quello che attualmente sovrasta l’Italia. La musica oggi è rappresentata per fortuna da tanti
generi e non c’è un’immagine principale, ma è quello che gira intorno alla musica che non ci
piace, parlo ad esempio dei talent e tutto il business che dà spazio oggi solo ai progetti dal fine
commerciale.

2. E’ finalmente uscito il vostro disco d’esordio. Cosa dobbiamo aspettarci da questa “Meravigliosa Mente Instabile”?


Il nostro disco d’esordio è un primo passo che comincia a mostrare quel che sarà la vera
essenza dei Monarkaotika. Abbiamo voluto cominciare con una “raccolta” dei brani che più ci
hanno rappresentato negli ultimi anni, quindi dentro c’è un po’ tutto, dalla nostra nascita fino
ai tempi più recenti. Tutto questo è “Meravigliosa Mente Instabile”.
Il resto che verrà in futuro… sarà pura follia! 😛

3) Tornando alla libertà, quanto vi influenza questo mood nei live?


La libertà è nella nostra essenza di vita: siamo nati liberi, abbiamo deciso di rimanere liberi, così anche nella musica non ci poniamo limiti né regole o misure.

4) L’impronta del disco è chiaramente rock, quali sono state le vostre ispirazioni principali?


Ascoltiamo rock sin dalla nascita per cui il disco non poteva che essere tale. Il rock diventa un
bisogno, ascoltarlo e di conseguenza realizzarlo. D’altra parte siamo quattro menti, quindi le
influenze sono state anche tante e diverse. La maggior parte dei gusti sono affini ma ci sono
anche molte sfumature singolari e questo miscuglio fa poi uscire fuori il nostro suono.

5) Com’è nato il vostro progetto?


Il progetto è nato per caso. Abbiamo la fortuna di essere amici da una vita, quindi con il tempo neanche ce
ne siamo accorti ed eravamo un gruppo, poi sono nati i primi brani, oggi il primo album, domani non lo
sappiamo.

Advertisements

GRAMMLO’ – WHAT?

Cinici, romantici, ironici, nonsense e a volte fantasy. Amore promiscuo e amore eterno si mischiano insieme alla pazzia. I brani dei Grammlò raccontano della semplice quotidianità senza pretesa d’esser poesia, lo stare al bancone di un pub, ubriacarsi di birra e innamorarsi della cameriera.

Genere: funk, rock, blues

Label: La Cura Production

Release Date: 12/06/2019

Streaming https://open.spotify.com/album/23mjwt8HzsyBvVSl6AK2wP

“Regola numero uno: i nostri ascoltatori devono muovere la testa e il culo”.

Intenti decisamente chiari quelli dei Grammlò, band lombarda che si presenta al pubblico italiano con What?, primo EP ufficiale dalle premesse piuttosto incoraggianti. Un lavoro solare e coinvolgente, in cui i groove funk la fanno da padrone. Dal primo brano registrato, The Bill, all’ ultimo, You Know Nothing, si può notare la crescita stilistica e la ricerca creata in studio.

La sapiente guida del produttore Leonardi Biccari ha saputo valorizzare e dare spessore a quello che è oggi il sound dei Grammlò. Ogni elemento della band ha conferito influenze musicali diverse, che spaziano dal funk, genere che caratterizza in modo predominante il lavoro discografico, per passare attraverso le sonorità afrobeat, il jazz, l’indie, il soul e ovviamente il progressive, con il flauto traverso che rimanda all’iconico gruppo dei Jethro Tull.

Il singolo/title-track What? è accompagnato da un video autoprodotto realizzato in animazione, che racconta una connessione metaforica tra lo spartito musicale e le dinamiche della vita reale. Una storia d’amore nonsense, tra pause, scale infinite e la consapevolezza di poter anche stonare e andare fuori tempo, l’importante è che lo stare insieme sia una melodia.

Videoclip https://www.youtube.com/watch?v=_kvlOEsgVz0

Tracklist

1 – The bill

2 – Bad day

3 – What?

4 – Light off

5 – You know nothing

Grammló sono:

Massimo Guzzetta (voce, flauto traverso, chitarra acustica)

Marco Carboni (chitarra elettrica)

Tommaso Brillo (tastiere e sintetizzatori)

Gabriele Bertossi (basso elettrico)

Davide Contento (percussioni)

Giovanni Sala (batteria)

Biografia

I Grammlò nascono nel 2011 da un’idea di Massimo Guzzetta (voce, flauto traverso, chitarra acustica) che riunisce in saletta prove due amici: Giovanni Sala (batteria) e Claudio Ripellino (basso elettrico) per sperimentare nuove sonorità legate al genere funk ma con influenze derivate dall’ascolto dei Jethro Tull e diversi altri generi. Dopo l’aggiunta di Davide Contento (percussioni), Marco Carboni (chitarra elettrica) e Tommaso Brillo (tastiere), esce il primo Ep “Grammlò”. Nel 2013 il gruppo si chiude in saletta prove e inizia una seconda stagione di composizioni, parallelamente ad un’intensa attività live per tutta la Brianza, Milano e dintorni, riscontrando forte successo di pubblico anche in contesti che vanno al di là del genere Funk. Verso la fine del 2014 il gruppo intraprende un nuovo percorso produttivo presso lo studio Yellow Sound di Milano, in collaborazione con il produttore fonografico Leonardo Biccari. Nel 2016 Gabriele Bertossi entra in sostituzione a Claudio Ripellino, nel 2018 i Grammlò pubblicano il loro lavoro “What?” in collaborazione con Lacura Production di Leonardo Biccari.

Contatti

Contatti

https://www.instagram.com/grammlo_official/

https://www.facebook.com/grammlo/

https://www.youtube.com/channel/UCEKCJFOSSbEwMG1oQzImv7Q/featured

Blob Agency Press Media Office

antipop.project@gmail.com

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 3396038451

DEVIAN CLAN – RAPUBLIC

Hip hop, evoluzione e spirito. Un EP che racconta ciò che siamo, ciò che non siamo e ciò che la società vorrebbe farci essere.

Genere: hip hop, soul

Label: La Cura Production

Streaming  https://deviaclan.bandcamp.com/releases

Rapublic è un progetto ispirato alla realtà in cui siamo quotidianamente immersi, inquadrata da un punto di vista nuovo o meglio, particolareggiato.

Il disco è da considerarsi nella sua accezione, la fase terminale di un processo di “sovranità creativa”, nonché il luogo fisico dove le dimensioni esperenziali dei componenti della band e quelle del produttore Leonardo Biccari, si condensano in un’unica visione, dando così origine ad un lavoro di denuncia della “società delle contraddizioni” in cui tutto sembra essere solamente un punto di vista istituzionale. Le tematiche trattate descrivono infatti gli eccessi della realtà globalizzata, restituendo all’ascoltatore un’immagine analitica del mondo in un panorama dove la dispercezione si sta gradatamente sostituendo alla sostanza dello stesso:

 “Si invertiranno i poli, come falso e vero invertiranno i ruoli per farvi stare buoni” ……..

 “tu condividi file mail chat news e sex tape ma vivi una reltà innestata come Douglas Quaid” …..

Di stampo filosofico, concertato in un ricercato sound funk Old School ed elettronica, con un trend hip hop e senza clichè, i brani offrono una visione della realtà mentale e spirituale, binomio essenziale per poter affermare le proprie ragioni d’essere, al fine di poter dire senza riserve: “Oggi parlo Io! Perché so chi sono e so dove voglio andare!”

Siate liberi di ascoltare, siate liberi di non ascoltare, l’importante è che siate liberi.

Tracklist

1. Trash to cash

2. A sample story – featuring Manuel Milazzo

3. Digital circus

4. La malaitalia

5. Non essere nessuno

Bonus tracks

-Rapublic – featuring Swindler beat

-Teschio e Tibia – featuring Swindler beat

Biografia

Devia Clan nasce nel 2002 da un’idea di Isaac Dante e Marco Ingoglia (Ingo), ai tempi quindicenni, attratti dalla cultura hip hop dal writing e dalle rime. Nel 2005 collaborano con il Phoniq studio di Simone Limosani e producono il loro primo lavoro: “Deviazione di strada”. Nel 2009 insieme al dj e batterista Elia Rocca producono il loro secondo lavoro: “Io”. Dopo un periodo di transizione in cui i due intraprendono strade diverse e approfondiscono le arti della pittura e del tatuaggio, fino ad arrivare al 2015 dove riprendono il progetto “Devia Clan e con l’unione di altri 5 artisti, creano quella che è l’attuale formazione. Il gruppo si arricchisce di nuove sonorità e nuovi strumenti trasformando così il progetto in una vera e propria band composta da: Elia Rocca (stuntman Elio) che torna alla batteria, Isaac e Ingo alle rime e alla voce, Marcello Martin (Marcio Mc Fly) al basso, Davide Contento (Cipo) alle percussioni, Tommaso Brillo (Tommy Funk) alle tastiere e Alan Pischedda (Dj Alan) allo scratch. Nel 2017 i Devia Clan iniziano a collaborare con il loro attuale produttore fonografico Leonardo Biccari e insieme lavorano al loro primo EP: “Rapublic”.

Contatti

https://www.facebook.com/deviaclan/

https://www.youtube.com/channel/UCXm9g4ClBG1da1U-U4YxiCQ

Blob Agency Press Media Office

antipop.project@gmail.com

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 3396038451

SATOSHY & LA BANDA BALLOON: L’IGNOTO

La band calabrese si presenta al pubblico con l’album d’esordio “L’Ignoto”: un progetto sperimentale, autoprodotto dalla composizione al mixaggio di ogni traccia, nato nel 2018 con lo scopo di fondere rap, hip hop, funk, jazz ed elettronica.



Genere: Rap Sperimentale  

Label: Autoproduzione

Distribuzione digitale: iMusician


Ascolto Album 
https://open.spotify.com/album/1UgP9tZ51pGmwwyFvjatlg

L’Ignoto è il titolo del nuovo album di Satoshy & La Banda Balloon, un viaggio nelle parti più sconosciute dell’anima, che come scopo ha il risveglio della consapevolezza. Una musica spirituale ma anche molto diretta, grazie al rap ed alle numerose allegorie usate per esprimere pensieri o stati d’animo.

La Band, composta dal Rapper/Producer Satoshy (Antonio Russo, classe 1996) e da La Banda Balloon (Simone Nollino, classe 1994 e Pasquale Oliva, 1995).

L’Ignoto si compone di diciotto brani, ciascuno con la sua particolarità: Intro è un risveglio, una rinascita della propria consapevolezza; Il Mare un brano che esprime la natura umana legata agli elementi; L’Ignoto, la title-track, rappresenta un viaggio di scoperta all’interno di noi stessi.

Tutte le tracce contenute nell’album, nonostante la varietà sonora, sono legate da un’ideologia percepibile in ogni secondo del disco. L’album presenta un’interessante ricerca nell’originalità, grazie alle sperimentazioni compositive e sonore, che hanno spinto il Rap di Satoshy a confrontarsi anche con tempi irregolari, poliritmie e produzioni insolite.


La scultura usata in copertina è stata realizzata dall’artista Benedetto Ferraro appositamente per il progetto.

Biografia

Antonio Russo, aka Satoshy, inizia sin da bambino il suo percorso nella musica cimentandosi dall’età di 12 anni con le prime composizioni e registrazioni in ambito Rap/Hip-Hop, con cui ha avuto modo di sperimentare e conoscere meglio la musica. Dopo i primi anni di studi ed esperienze, nel 2015 incide e si autoproduce il mixtape “Back to 90’s”, pubblicandolo sotto lo pseudonimo Jant, con la collaborazione di Esa (OTR) ed altri musicisti calabresi. Durante queste esperienze ha avuto il piacere di dividere il palco con: 99 Posse, Cor Veleno, Kiave, DJ Double S, Mama Marjas, Inoki, Alien Army, ed altri.

Dopo l’uscita del mixtape si trasferisce a Londra ed inizia a dedicarsi a diverse produzioni musicali con artisti provenienti da tutto il mondo. Qualche mese dopo il trasferimento, pubblica il suo primo brano strumentale “Atalànte”, divenuto poi l’inizio del suo percorso artistico sotto il nome Satoshy. In seguito inizia a lavorare con Amp Medley, a quello che sarà il suo primo album da music producer “Mosaics”, un progetto che ha composto, registrato e mixato nel suo home studio a Londra, un album ricco di contaminazioni che vede la collaborazione di diversi musicisti provenienti da: Inghilterra, Senegal, Nuova Zelanda, Jamaica, Africa Centrale e Italia. Dopo la pubblicazione di “Mosaics” si esibisce in alcuni locali londinesi, come il “The Castle”, “Off the Cuff”, “Grow” ecc.

Durante la finalizzazione di “Mosaics”, Satoshy, insieme ai musicisti Pasquale Oliva e Simone Nollino (La Banda Balloon) iniziano spontaneamente a sviluppare nuove idee. Saranno proprio quelle idee a farlo ritornare in Italia, per lavorare ad un nuovo album completamente in italiano.

Contatti

YouTube: www.youtube.com/c/Satoshy

Fanpage Facebook: www.facebook.com/JantAkaSatoshy

Fanpage Instagram: www.instagram.com/satoshy

Press Media Office

antipop.project@gmail.com

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 3396038451

MONARKAOTIKA: MERAVIGLIOSA MENTE INSTABILE

Monarkaotika: si scatena la loro “Meravigliosa Mente Instabile

Preannunciato con un singolo, “Libera”, che ha subito urlato al mondo gli intenti di libertà e di distruzione di qualunque concetto di ipocrita “normalità” che imprigiona la mente, è finalmente uscito il disco d’esordio dei tarantini Monarkaotika, “Meravigliosa Mente Instabile”.

Questo primo lavoro sulla lunga distanza, schietto, ribelle e senza filtri, rappresenta la naturale evoluzione del percorso musicale della band, che si è rodata negli anni calcando numerosi palchi e affinando una vera e propria attitudine live che infiamma i loro concerti.

L’evidente impronta live e le numerose contaminazioni che hanno influenzato la band nel corso degli anni sono chiaramente distinguibili nei brani che compongono “Meravigliosa Mente Instabile”, la maggior parte dei quali è nata proprio durante le prove per i concerti, senza porre alcun freno all’ispirazione.

L’album rappresenta quindi per i Monarkaotika un vero e proprio diario di un percorso che meritava di essere presente anche discograficamente, accostando senza freni e senza remore tutti i pregi e i difetti di questi primi cinque anni di vita, con lo scopo di restituire una musica autentica e determinata come lo spirito stesso di questa band in continua evoluzione.

Ascolta “Meravigliosa Mente Instabile” dal sito ufficiale:

http://www.monarkaotika.com

* * *

Monarkaotika sono:

 Marco Di Turo – voce

Luca Palminteri – chitarra

Gianni Di Roma – basso

Michele Marzulli – batteria

La Track-list di “Meravigliosa Mente Instabile

 01 Battiti

02 Libera

03 Lacrime di rugiada

04 Lontana anni luce

05 Silenzio

06 Impavido

07 Meravigliosa mente instabile

08 Selvagge inclinazioni

09 Impalpabile

10 Nude ali

11 Nei miei guai

12 Oscilla

13 Ora

14 Ridi di me

* * *

Link utili:

– SITO WEB: www.monarkaotika.com

– FACEBOOK: @monarkaotika

– INSTAGRAM: @monarkaotika_official

– YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCXjeYRMbQruW0FIFe-Zwb_Q

GRAN TORINO: SECONDO TEMPO

Gran Torino: l’attesa è finita! Finalmente è fuori il loro “Secondo tempo 

Un lavoro lungamente desiderato, forgiato con il fuoco della passione e presentato a piccoli e delicati passi. Questo è “Secondo Tempo”, il secondo album dei bolognesi Gran Torino, che si stava facendo attendere sin da luglio scorso, quando i due rocker hanno dato alla luce il primo singolo, “Che fine vuoi?”. Quel primo estratto, energico ma anche introspettivo, confermava il sound che aveva contraddistinto il duo con il primo lavoro, “Albero e Terra”, ma lo rinfrescava con un moderno utilizzo dei suoni elettronici. A dicembre è stato poi pubblicato il secondo singolo, “Abbracciami”, in cui la potenza del rock si addolciva riflettendo sull’importanza dei piccoli gesti.

Oggi i due rocker pubblicano il terzo singolo, “Secondo Tempo”, da cui il disco stesso prende il nome perché rappresenta una dedica che Daniele Berni e Marco Paradisi fanno a loro stessi, al loro essere qui, non per dovere ma perché di nuovo hanno sentito di avere grandi emozioni da sublimare e comunicare attraverso le loro canzoni.

Gran Torino presentano così questo nuovo lavoro: “Sono stati anni pieni di emozioni, di buio e luce, ma non abbiamo mai perso la voglia di andare avanti, di metterci in gioco, in musica… “Secondo Tempo” parla di questo. In questo disco abbiamo dato il massimo, senza limitarci, senza forzature di forma o genere, passando dall’amore alla rabbia, a volte veloci, a volte lenti, un po’ più elettronici, sempre rock”.

Nel videoclip che accompagna il nuovo singolo, la band conferma la collaborazione con i videomaker dello Street Style Studio, che sin dal primo singolo di questo nuovo lavoro hanno introdotto la fusione tra linguaggi e metalinguaggi artistici diversi, associando la danza e il linguaggio del corpo con la dinamicità delle immagini e la corposità sensuale del solido rock dei Gran Torino.

Guarda qui il videoclip di “Secondo Tempo”:

Ascolta qui l’album:

*

Gran Torino sono:

 Daniele Berni – voce, batteria

Marco Paradisi – chitarre, basso, synth

*

La Track-list di “Secondo Tempo

 01 Che fine vuoi?

02 Sei ore

03 Abbracciami

04 Costa caro

05 Differenze

06 Secondo tempo

07 Colpa tua, colpa mia

08 Alto volume

09 Le vere domande

*

Link utili:

FB – https://www.facebook.com/GRANTORINOMUSIC/

INSTA – https://instagram.com/gran_torino_bologna

TW – https://twitter.com/GranTorino0001 

YT – https://www.youtube.com/channel/UCG3tbNHK9EQrP-roYvwtzCg

MONAKAOTIKA: “MERAVIGLIOSAMENTE INSTABILE”

Monarkaotika: cos’è questa “Meravigliosa Mente Instabile

I tarantini Monarkaotika hanno pubblicato la scorsa settimana “Libera”, il primo singolo tratto dall’album d’esordio “Meravigliosa Mente Instabile” in uscita a maggio per Elephant Music e promosso da Artlovers Promotion.

In attesa dell’uscita ufficiale del disco, prevista per il prossimo 9 maggio, il gruppo svela intanto i primi dettagli.

L’adrenalinica band pugliese dichiara di aver caratterizzato i brani di questo lavoro con quel tono spensierato e anticonformista che li ha sempre contraddistinti durante questi lunghi anni di gavetta. Inoltre, non soltanto nel primo singolo ma nell’intero album sarà presente il loro energico anelito di libertà e di ribellione contro gli schemi anestetizzanti della routine quotidiana e contro ciò che limita la creatività.

Ascoltare “Meravigliosa Mente Instabile” tutto d’un fiato si preannuncia insomma come un viaggio iniziatico, che libererà l’ascoltatore dalle proprie catene

Credits:

Artwork a cura di Laura Cagnoni per Prott Edizioni

Le registrazioni sono state curate dalla band e da Salvatore Buzzerio presso lo StudioGaudio di Taranto

Mix e master: Salvatore Buzzerio e Francesco Gaudio

Produzione: Monarkaotika

I Monarkaotika sono: 

Marco Di Turo – voce

Luca Palminteri – chitarra

Gianni Di Roma – basso

Michele Marzulli – batteria

*

La Track-list di “Meravigliosa Mente Instabile

01 Battiti

02 Libera

03 Lacrime di rugiada

04 Lontana anni luce

05 Silenzio

06 Impavido

07 Meravigliosa mente instabile

08 Selvagge inclinazioni

09 Impalpabile

10 Nude ali

11 Nei miei guai

12 Oscilla

13 Ora

14 Ridi di me

* * *

Ascolta qui “Libera”:

  * * *

Link utili:

– SITO WEB: www.monarkaotika.com

– FACEBOOK: @monarkaotika

– INSTAGRAM: @monarkaotika_official