27.5.2017 – NON E’ LA FINE

Questa è la storia di una ragazza, un’adolescente di nome Alma.

Bassina, magrolina, non appariscente ma con due grandi passioni che si intrecciano tra loro: il calcio e la Roma.

Una domenica come tante, apparentemente, incrocia l’immagine di questo ragazzino di nome Francesco…

Impossibile non avvertire nitidamente l’amore, la passione, il sacrificio che si annida dietro quella maglia… ed è così che comincia questo sogno giallo-rosso.

Da allora sono passati 21 anni (per i più fortunati 25). Francesco è diventato Capitano (anche la definizione è molto riduttiva) Alma lo segue, lo incoraggia quando vince insieme ai compagni e soffre quando le regole del calcio non guardano in faccia a nessuno.

Quest’ultimo anno però è il periodo più buio di tutti: Francesco gioca poco, rimane in panchina come sostegno per la squadra, si adombra ed alla fine, dopo notti insonni e mille ripensamenti annuncia che si ritira. Con il campionato finisce la sua avventura.

Alma è arrabbiata, ma da un lato comprende il momento, come lei un fiume in piena di tifosi (ormai amici).

Arriva il momento ed Alma è lì, davanti la tv. Come poter spiegare a “quelli fuori” questo momento? E’ come quando vedi un parente stretto tutti i giorni e d’improvviso quello fa le valigie e se ne va. Perché di questo si tratta: di famiglia. E quando uno di famiglia è in difficoltà il resto gli fa scudo intorno facendolo sentire protetto.

E proprio come succede in famiglia che si va via ma poi si torna sempre, chissà, anche Francesco potrebbe tornare magari anche per pochissimo.

Di una cosa Alma è certa: la storia continua, in maniera diversa ma altrettanto bella!

maglia totti