HEP ALIEN CLUB: DIANIME – LA PARTE PEGGIORE

 

Nuovo video-singolo per la band abruzzese per quattro quinti al femminile che si sta facendo sempre più spazio nella scena musicale indipendente. Un brano scuro che mescola rock, pop ed elettronica e anticipa il nuovo album previsto nel 2018.

Genere: pop rock / elettronica

Label: Autoproduzione

Release Date: 16.10.2017

VIDEO UFFICIALE

https://youtu.be/ksqdvRnPH1g

Il 16 ottobre esce La Parte Peggiore, il nuovo singolo dei Dianime, band per quattro quinti al femminile che si sta facendo spazio nella scena musicale emergente. Il brano, che mescola rock, pop ed elettronica, è accompagnato da un videoclip musicale diretto dal regista Josh Heisenberg e anticipa l’uscita del disco prevista per il 2018.

La Parte Peggiore è una fuga da tutto ciò che viene imposto dall’ambiente circostante, la zona d’ombra che rifiuta le convenzioni, che rinnega tutto ciò che è prescritto e ordinato, abbracciando l’autenticità dell’essere. È dissociarsi da schemi prestabiliti, tappe da raggiungere e ruoli da recitare per prendere coscienza di se stessi.

La Parte Peggiore è la più rumorosa di tutti noi, quella che ci rende soli, ma invincibili. Nessuna paura, nessuna resa: solo ciò che siamo.

Line Up

Beatrice Chiara Funari (voce)

Stefania Ferrante (chitarra)

Cristina Talanca (basso)

Fiorenza Panaccio (tastiere e synth)

Filippo Mancini (batteria)

DICONO DI LORO:

– Menzionati nell’articolo “Le cantanti donne della musica indie italiana” Tutti giù parterre, 13/09/2017. (Link: bit.ly/cantanti_donne_indie)

– “Energia allo Stato Puro. Contemplazione Elettro-Rock unica nel suo genere, entusiasmante nella musica, nei testi e nel messaggio. Una nuova onda contemporanea che di sicuro arriverà lontano.”

Dopolavoro Musicale, Agosto 2017. (Link: bit.ly/DIANIME_DopolavoroMusicale)

– “Queste cinque forze della natura quando salgono sul palco sono un’anima sola” Ass. PRIMOMAGGIO Macerata, 30/04/2017 (Link: bit.ly/PRIMOMAGGIOMacerata)

– “Violami” è una canzone pungente, che penetra nell’animo dell’ascoltatore come un dolcissimo veleno. La loro musica e la loro energia conquisteranno i cuori di persone provenienti da tutta Italia.UltimaVoce.it, 17/05/2016 (Link: bit.ly/Ultima-Voce)
– “Il melting pot di molteplici influenze dei componenti ha creato un sound unico, che ha portato i DIANIME in festival di spessore come il Maremoto Festival, Mazzumaja e la vittoria di ben 3 contest locali. Da tenere d’occhio.”
Abruzzo Live Music, 07/12/2016 (Link: bit.ly/Dianime_AbruzzoLiveMusic)

– “Nonostante i DIANIME rappresentino un gruppo piuttosto giovane, nato da poco, nella loro evoluzione stanno diventando inarrestabili interpreti in numerose manifestazioni musicali. Il gruppo, infatti, in breve tempo è riuscito a raggiungere una serie di traguardi, grazie anche all’esperienza live maturata sui palchi in giro per l’Italia.

Sicuramente nel panorama musicale italiano sentiremo parlare di questa band che continua evolversi, miscelando l’originalità dei testi con un sound rock raffinato ma allo stesso tempo incisivo.” IlMartino.it, 04/12/2015 (Link: bit.ly/Dianime_IlMartino)

– “L’Ep intitolato “Rivoluzione dell’anima” è un album ricco, pieno e succoso di sonorità che racchiudono vari generi sempre su base rock, i testi una sorta di viaggio interiore, scavato e sentito.”The Ship Magazine, 2015 (Link: bit.ly/the_ship_magazine)

Biografia
I DIANIME nascono nel 2014 da un’idea della chitarrista Stefania Ferrante. La band un EP all’attivo dal titolo “Rivoluzione dell’anima“, pubblicato nel 2015. Le sonorità delle sei tracce del disco spaziano dal rock all’elettronica, complici le molteplici influenze musicali dei componenti.

Dopo aver mosso i primi passi nel circuito musicale abruzzese, il gruppo colleziona la vittoria di 3 contest musicali locali (On The Rock Contest 2014, Pinetnie Moderne Music Contest 2014 e Summer Voice 2015), la partecipazione allo storico evento Rockascalegna 2014 e una serie di date tra Abruzzo, Lazio, Puglia e Marche (storico live: http://dianime.tumblr.com/live).

Hanno diviso il palco con artisti di calibro nazionale (Diaframma, Umberto Maria Giardini, Ex-Otago, Giuliano Palma, Margherita Vicario, Blastema, Sick Tamburo, Bugo, La Menade, Management del dolore post-operatorio) e internazionale (Alcest, Clan of Xymox).

Nel corso del 2016 sono stati inseriti in manifestazioni di spessore, come il Maremoto Festival, nella stessa edizione di Lacuna Coil e Sud Sound System; il festival “Mazzumaja”, i cui protagonisti sono stati nomi di spicco del panorama musicale indipendente (Il Teatro degli Orrori, Giorgio Canali), “L’arte non è acqua” con i Marlene Kuntz e la Notte dei desideri di Ascoli Piceno, che ha registrato oltre ventimila presenze.

Nel 2017 sono stati selezionati per le finali regionali del prestigioso festival
Arezzo Wave. Attualmente sono a lavoro sul nuovo disco la cui pubblicazione è prevista per il 2018.

Contatti

dianime.laband@gmail.com

Press Media Office
antipop.project@gmail.com

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 3396038451

Advertisements

HEP ALIEN CLUB: ANDREA BRUNINI – L’ISOLA DEI GIOCATTOLI DIFETTOSI

Andrea Brunini – L’isola dei giocattoli difettosi

Non solo folk rock: “L’isola dei giocattoli difettosi”, secondo album del giovane cantautore toscano, è infatti un viaggio, una storia, un amore, una notte, raccontata con diversi stili musicali.

Genere: cantautorato, folk rock

Label: Autoproduzione

Distribuzione: CDBaby

Release Date: 09/10/2017

QUI il disco in streaming

QUI il disco in download

QUI il video-single

QUI il singolo in download

Esce L’isola dei giocattoli difettosi, il nuovo disco del cantautore Andrea Brunini. Disponibile su iTunes e tutti i principali store digitali, il lavoro segue Vietato calpestare i sogni, pubblicato nel dicembre 2015.

Stavolta non c’è un filone musicale ben definito e il cantautore, dando come sempre la massima importanza alle parole, attraversa molti stili portando l’attenzione alla storia che lega il tutto quasi fosse un telefilm a puntate.

Nel disco il folksinger toscano inserisce volutamente alcuni richiami a libri o pellicole, come per esempio Alice nel Paese delle meraviglie nel brano Follia, oppure The perks of being a wallflower nella titletrack L’isola dei giocattoli difettosi.

Streaming https://soundcloud.com/andreabruninicantautore/sets/lisola-dei-giocattoli-difettosi-andrea-brunini/

Le canzoni di questo album sono state scritte tra luglio e agosto 2016, prevalentemente in viaggio o in quel posto speciale dove mi ritrovo a spendere le notti scrivendo. La particolare varietà di musiche che ho voluto inserire rispecchia molto i miei stili che, non essendo ben definiti, mi permettono di focalizzare l’attenzione sulle parole, le emozioni e questa storia, vero filo conduttore di tutti i brani”.

Il disco è accompagnato dall’uscita del nuovo video-single Fuori posto, da venerdì 13 ottobre in rotazione radiofonica e disponibile in tutti i digital store:Una canzone già dal nome particolare.” – afferma il cantautore – “Abbiamo deciso di girare il video, realizzato nel teatro comunale di Borgo a Mozzano, assieme ad una schiera di attori, artisti e amici con cui abbiamo voluto rappresentare una cena di gala dove tutti i commensali sorseggiano vino e ascoltano la band suonare. Durante la cena però un evento scatenerà il caos e il tutto prenderà una piega strana e divertente.”

Fuori posto – https://youtu.be/99P76LrfT8A

Tracklist

1. Fuori Posto

2. Un caffè?

3. Giulia

4. Follia

5. Gettami via

6. Cercami sarò li

7. L’isola dei giocattoli difettosi

8. Ribelle

9. Mi canterai una canzone

10. Notte

GreenEnergyTour (in costante aggiornamento)

12.07.17 @ Festival Borgo a Mozzano (LU)

29.07.17 @ Street Music Festival, Vigo di Fassa (TN)

14.08.17 @ Apertura a Kee Marcello (Europe), Avasinis (UD)

15.08.17 @ Apertura a Kee Marcello (Europe), Valden (Austria)

18.08.17 @ Apertura Thegiornalisti – Parco Gondar, Gallipoli (LE)

01.09.17 @ Teatro Verzura Estivo, Borgo a Mozzano (LU)

07.09.17 @ Apertura Tour italiano Jiro Okabe, Pitagora Music Event, Verona

13.10.17 @ Satomato Live, Pistoia

14.10.17 @ Splatter bar, Castenuovo (VR)

22.10.17 Coop FI, Montecatini (PT)

5.11.17 @ Coop FI, Prato

20.12.17 @ Piroka pub, Toscolano Maderno (BS)

Bio Borgo a Mozzano (LU), classe 1989, Andrea Brunini è un geometra, cantautore e neo-laureando in ingegneria. Si ispira molto allo stile classico del folk rock, ma troverete in lui molte influenze musicali dal funky, pop passando per il rap. Ha iniziato il suo percorso da cantautore quando aveva 13 anni e da lì non ha mai smesso di scrivere. Per lui una canzone può essere paragonata a un’opera d’arte, immortale nel tempo: è estro, sentimento, emozioni. Per lui la musica è vita. È per questo che le sue canzoni spaziano tra realtà e fantasia, tra storia e attualità, tra passato e futuro.

Nel 2015 decide di realizzare il suo primo album “Vietato calpestare i sogni” con l’etichetta discografica Madamadoré di Montecatini Terme.

Il 2016 lo vede protagonista di un tour nei locali e piazze d’Europa presentando una versione unplugged dell’album “Vietato calpestare i sogni” (https://youtu.be/XbR1BrnOYQA)

Nel febbraio 2017 partecipa al concorso “Sanremo new talent” trovando un posto tra i finalisti. Partecipa inoltre al concerto “Aspettando il primo maggio” organizzato dal comune di Capannori il 30 aprile dello stesso anno.

Il 20 giugno esce con il video del singolo “Giulia”, brano di anticipazione del nuovo album “L’isola dei giocattoli difettosi”, mentre ad agosto viene scelto come gruppo spalla di Kee Marcello, celebre chitarrista della band svedese Europe nell’ambito del tour europeo passato da Italia e Austria (https://youtu.be/qDFFEOWI1bE)

Il 18 Agosto 2017 con la sua band “Giocattoli difettosi” apre il concerto ai Thegiornalisti al Parco Gondar di Gallipoli (LE) (https://youtu.be/gCG9TeYA1rs). Il 7 settembre, a Verona, è la volta di una nuova, prestigiosa apertura, quella a Jiro Okabe.

Contatti

www.andreabrunini.com

https://www.facebook.com/andrea.bruniniOfficialpage/

Press Media Office

antipop.project@gmail.com

https://www.facebook.com/BlobAgency/

Frank Lavorino 339 6038451

HEP ALIEN CLUB: FOUR TRAMPS – INDIFFERENTE

“Non annegare nel buio dell’esistenza globale”

Genere: rock/blues/indie/punk

Label: TRB rec

https://www.youtube.com/watch?v=rmvQLZu3Dlo

Il primo singolo dei Four Tramps estratto dal nuovo album PURA VIDA è un grido di rabbia e dolore verso la società moderna, sempre più volta all’individualismo e sempre meno aperta alla comunità, dove la ricerca del successo e dell’affermazione mettono in secondo piano i valori e spesso anche l’umanità e dove sempre più persone sentono un profondo senso di alienazione e smarrimento.

Il sound del brano è molto deciso, gli accenni blues dati dalle slide guitars sfociano in un brano dalla forte caratterizzazione indie/punk. Il cantato è diretto, forte, e si rivolge a tutti quelli che sentono che nel mondo qualcosa stia andando in un modo completamente sbagliato.

Per il videoclip la band si è affidata alla sapiente mano di Daniele Arcuri (danielearcuri.com), illustratore, pittore e videomaker molto attivo nella realtà reggiana, che ha saputo ricreare le atmosfere del brano con personaggi fortemente caratterizzati inseriti in quelli che potrebbero essere episodi di tutti i giorni, ma che in realtà non sono altro che l’evidenza di una graduale perdita di umanità.

PURA VIDA https://open.spotify.com/album/6dazseiW3CJjp8ThzmlDbB

Past Shows

2017

16.9 – Wartstall Festival – Guastalla (RE)

16.7 – Positive River Festival – Campovolo (RE)

9.7 – Weller Festival For Equality 2017 – Rubiera (RE)

1.7 – Rollin & Tumblin Beer and Blues Fest – c/o i Vizi Del Pellicano – Correggio (RE)

25.6 – Festa Democratica – San Martino in Rio (RE)

13.5 – Piazza Martiri – Reggio Emilia (Live for Emergency)

28.4 – Pura Vida Social Club (Teatro dei Tamburi) – San Bernardino di Novellara (RE)

7.4 – Hiroshima Mon Amour (TO) w/ Modena City Ramblers

1.4 – PURA VIDA RELEASE PARTY! – Harris Pub – Scandiano (RE)

23.3 – Riff Club – Prato (PO)

4.3- L’Ostrica Ubriaca – Scandiano (RE)

15.2 – Bastian Contrario – Parma

8.2 – Blu J – Reggio Emilia (RE)

28.1 – Marasma 51 – Codisotto di Luzzara (RE)

14.1 – Nuova Officina della Birra – San Polo d’Enza (RE)

Biografia

Il progetto Four Tramps nasce nel 2011 a Reggio Emilia, avendo nel proprio bagaglio diverse anime che attingono dal classic rock americano, dall’esplosivo rock inglese anni ‘60-’70, e dall’onda d’urto “self-made” sfacciata del punk. La band si pone interrogativi sul mondo e l’attualità con la solida anima blues malinconica e sognante e al contempo irriverente. La formazione ha connotati classici a due chitarre, basso e batteria, con l’aggiunta talvolta di un’armonica.

Nel 2014 esce il loro primo album “Tramps & Thieves”. Dopo numerosi concerti in Italia e alcune esperienze all’estero, la band torna nel 2017 con un nuovo album, accompagnato da un lungo tour che non accenna a fermarsi, dal titolo “PURA VIDA” per l’etichetta TRB rec.

Contatti

https://fourtramps.com/

https://www.facebook.com/FourTramps

https://www.instagram.com/fourtramps/

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

antipop.project@gmail.com

Frank Lavorino 3396038451

HEP ALIEN: STATALE 107BIS – “MURI MUTI”

All’esordio discografico in studio, la band calabrese affronta le barriere a ritmo di ska, le scala a tempo di folk, le sovrasta con la forza del rock e le sorpassa con l’hard-swing, rilanciando orgogliosamente l’amore per la diversità e la mescolanza dei generi.

Genere: rock/folk/hard-swing/ska

Label: Autoproduzione

Distribuzione: La Cupula

Spotify http://spoti.fi/2l3xgZ3

Il 2016 è stato l’anno del ritorno dei muri in tutto il mondo e la nostra Unione Europea, che sull’abbattimento delle frontiere ha fondato la propria ragione d’esistere, non fa eccezione. Mentre i proclami la vogliono senza confini né pareti, i muri e le barriere continuano a crescere creando divisioni e stabilendo un dentro e un fuori, alla faccia dell’Unione somigliamo sempre più ad una setta. Negli ultimi 70 anni i muri sono passati da 5 a 65. Muri fisici e reali ma anche barriere mentali e culturali.

Il 2017 è invece l’anno di uscita di “Muri Muti”, il nuovo album della Statale107Bis, che le barriere decide di affrontarle a ritmo di ska, scalarle a tempo di folk, sovrastarle con la forza del rock e sorpassarle con l’hard-swing, rilanciando orgogliosamente l’amore per la diversità e la mescolanza dei generi.

La band calabrese è all’esordio ufficiale dopo un primo disco live del 2009. Pur mantenendo un contatto strettissimo con le sonorità, l’energia e gli scenari della loro amata terra, trovano vita propria e linfa vitale nella continua sperimentazione che contraddistingue le loro produzioni. Caratteristica che impedisce la costrizione delle loro creazioni in angusti recinti di genere.

New single “La Scimmia”

Video https://www.youtube.com/watch?v=CGQ02821088&t=93s

Download https://soundcloud.com/statale107bis/la-scimmia

Finito di ascoltarne il testo, ancora una volta come era stato per il primo singolo “Muri Muti, con “La Scimmia” ci troveremo sul confine, quello labile tra follia e normalità, ma tranquilli: ancora abbiamo 30 secondi buoni di strumentale per scegliere da che parte stare.

In casa Statale107Bis la contaminazione non è una novità, il gruppo ha nel suo genoma l’approccio collettivo e laboratoriale, a testimoniarlo la pagina di retrocopertina del disco: 14 tra musicisti e cantanti hanno partecipato a vario titolo alla realizzazione delle riprese. Il disco si fregia inoltre di una collaborazione internazionale con l’artista, cantante, musicista tunisino Bader Dridi che ha accompagnato l’ensemble nella realizzazione della decima traccia “Questo Deserto“.

Per il gruppo la consapevolezza della necessità della diversità è il migliore antidoto alla chiusura. La Statale107Bis ai nuovi muri di frontiera risponde con l’amore per la diversità, a ritmo di ska, rock, hard-swing, blues, prog, contaminando e mescolando diversi generi con tanta energia positiva e tanta ironia!

Line-up

Alessandro Facente (tromba e voce)

Gustavo Tigano (sax tenore e voce)

Salvatore Locanto (basso e voce)

Giuseppe Tavernese (sax contralto e soprano)

Giuseppe Aiello (chitarra)

Rosario Bonofiglio (percussioni)

Nello Chinnì (batteria)

Tracklist

1. Randagio (bis)

2. Lui Lei e Saturno

3. Bar Betta

4. Muri Muti

5. Fumo

6. La Scimmia

7. Pena d’amor (bis)

8. Sinfonia per cicale

9. Flashback

10. Questo Deserto feat. Bader Dridi

11. Morra

12. Ratto Recidivo

13. Il Tubo rivelatore

Storico concerti

2017

9.9 – Rossano (CS)

20.8 – Premio Manente, Crucoli (KR)

19.8 – Dal Tramonto all’Alba Festival, Rocca Imperiale (CS)

16.8 – Malibù, Cirò Marina (KR)

14.8 – Casabona (KR)

10.8 – Roccabernarda (KR)

6.8 – Villaggio Palumbo (KR)

3.8 – Morrison, Sella Marina (CZ)

2.8 – S. Severina (KR)

1.8 – S. Lorenzo Pub, Belvedere di Spinello (KR)

28.7 – Notte Rosa, Torre Melissa (KR)

9.7 – Steccato di Cutro (KR)

4.6 – Caccuri (KR)

15.4 – Mani festival, Catanzaro

1.4 – MusiCS, Cosenza

5.3 – RTI, Crotone

4.3 – Marilyn, Cirò Marina (KR)

11.2 – Album Release Party, Santa Severina (KR)

26.12 – Marilyn, Cirò Marina (KR)

iTunes http://apple.co/2pB1mmf

Bio

La Statale107Bis è, prima che un progetto culturale e musicale, un percorso, che dal suo inizio ad oggi, grazie a passione e caparbietà, ha attraversato importanti mete e superato gravose asperità. L’autodeterminazione e la coscienza dei singoli, nel loro caso, è riuscita a fare da catalizzatore alle forti emozioni suscitate, nel bene e nel male, dalla loro meravigliosa terra, emozioni che una volta tanto, da mera potenzialità, sono diventate energia creatrice. Per questi motivi si propongono, con il loro spettacolo, non solo di portare la propria musica, ma di innestare nelle strade, nelle piazze e nelle città che li ospitano, quello stesso spirito creatore che doma loro gioia infinita. Nel giro dal 2005 la band ha già una lunga carriera live: tra le varie partecipazioni a festival e contest, sono stati tra le band finaliste regionali dell’Italia Wave e nello stesso anno vincitori del premio miglior testo con il brano inedito “Pena d’Amor” al LennonFestival di Belpasso (CT). Nell’ultimo anno hanno segnato una importante tappa come finalisti del festival “Voci per la Libertà” di Amnesty International, dove oltre al caloroso riscontro del pubblico, la band ha anche vinto il premio Unicusano, riconoscimento consegnato in quella occasione dall’Università Niccolò Cusano di Roma.

Contatti

https://www.facebook.com/statale107bis/

http://statale107bis.it/

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

antipop.project@gmail.com

Frank Lavorino 3396038451

ANDREA BRUNINI – GIULIA

I viaggi più belli e unici si fanno nell’animo delle persone e molte volte uno dei due non riesce o non vuole più tornare: ecco il nuovo video-single del cantautore toscano, anticipazione del secondo capitolo discografico “L’isola dei giocattoli difettosi” la cui uscita è attesa dopo l’estate.

Genere: folk – pop – rock

Release date: 21.06.2017

https://youtu.be/dsLrthAm58s

Si intitola Giulia ed è il nuovo video-single del cantautore toscano Andrea Brunini.

Primo estratto dal secondo album L’isola dei giocattoli difettosi in uscita dopo il periodo estivo, il brano racconta dal punto di vista del folk singer l’irrefrenabile ossessione per questa ragazza di cui descrive hobby, atteggiamenti e quel suo bisogno di viaggiare che la contraddistingue dalle altre e la accomuna a lui stesso. A fare da tappeto sonoro, un mix di corposo rock all’italiana e sognante folk pop strutturato per mettere in risalto la parte cantata e la chitarra acustica, vera e propria anima artistica di Brunini.

Una canzone che funge da invito rivolto dal cantautore alla protagonista affinché intraprendano insieme un cammino: assicurandole avventura, sorrisi e felicità Brunini le confessa che il luogo, lo sfondo, il motivo di qualsiasi viaggio possano fare assieme non contano per lui perché “il viaggio più bello che posso fare è dentro te sperando di non tornare.

Girate nella riviera viareggina, le riprese si discostano molto dal testo della canzone, con un finale particolare ed inaspettato che lascia intatta quella magia e porta a comprendere le vere intenzioni del viaggio interiore e fantastico tanto decantato nel brano.

Durante il periodo di realizzazione non sono mancati momenti divertenti e imbarazzanti, come racconta lo stesso Brunini: “Tra i salti con il manichino sui tappeti a molle con la gente che mi credeva pazzo e poneva domande opportune anche se strane (assistevano pur sempre ad un tizio che amoreggiava pubblicamente mano nella mano con un pupazzo), le sfide ai giochi più disparate e attimi di romanticismo sul molo, direi che ce la siamo spassata alla grande..”

Credits

Regia: Red Box

Direzione della fotografia: Red Box

https://www.facebook.com/redboxviareggio/

Biografia

Nato a Borgo a Mozzano, provincia di Lucca, il 22 maggio 1989 Andrea Brunini è un cantautore, chitarrista, pianista, improvvisatore e intrattenitore che si ispira molto allo stile classico del folk rock con una profonda influenza funky.

Allegro e socievole per natura, inizia il suo percorso artistico all’età di 13 anni e da lì non smette più di scrivere. Per lui una canzone può essere paragonata a un’opera d’arte, immortale nel tempo: è estro, sentimento, emozioni. Per lui la musica è vita. È per questo che le sue canzoni spaziano tra realtà e fantasia, tra storia e attualità, tra passato e futuro. Nel 2015 decide di realizzare il suo primo album professionale presso l’etichetta Madamadorè vincendo con il singolo “Accanto al tuo cuore” il primo premio band ed il premio della critica al festival nazionale “Una rotonda nel blue” svoltosi alla Capannina Viareggio.

Nel 2016 partecipa al Festival di Sanremo d.o.c. come ospite presentando il suo album “Vietato calpestare i sogni” su Sky canale 591; oltre a questo si annovera: la finale al “Santomato Live music 2016 – 5a edizione” (diretta su Toscana TV); 3°classificato premio “Il Faro Università degli studi di Teramo” come miglior testo e musica con il brano “Vietato calpestare i sogni”; la partecipazione al Festival di Castrocaro Terme, voci nuove 2016 arrivando alla fase semifinale; quella al premio nazionale “Giancarlo Bigazzi” svoltosi a Lucca.

Nel giugno 2016 realizza il videoclip di “Accanto al tuo cuore” con la collaborazione di Tv Global Channel e del regista Donato Pelusi in località Lanciano, in Abruzzo. Sempre nel 2016 è protagonista di un tour nei pub e piazze d’Europa presentando una versione unplugged dell’album d’esordio, realizzando il video del suo nuovo singolo “Giulia” che lancia il nuovo album previsto per la seconda metà del 2017.

http://www.lanazione.it/lucca/cronaca/andrea-brunini- musicista-1.2646693

Nel febbraio di quest’anno partecipa al concorso Sanremo new talent trovando un posto tra i finalisti. Il 21 giugno esce “Giulia”, video-single d’anticipazione del secondo capitolo discografico “L’isola dei giocattoli difettosi”, la cui pubblicazione è prevista nella seconda metà dell’anno.

Contatti

http://www.andreabrunini.com/

https://www.facebook.com/andrea.bruniniOfficialpage/

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 3396038451

IL GIARDINO – MEDUSA

Il Giardino – Medusa

Secondo album per la rock band sarda, una netta evoluzione rispetto all’esordio dello scorso anno grazie a testi più ragionati ed eleganti e sonorità arricchite dalla presenza di sintetizzatori. Un lavoro incentrato sul tema della bellezza che vuol mettere in risalto come, grazie ad essa, l’uomo possa diventare succube e schiavo di ciò che in realtà lo affligge.

Genere: alternative rock, electro, cantautorato rock

Label: Autoproduzione

Distribuzione digitale: Soundaymusic

Release Date: 24.05.2017

Streaming https://open.spotify.com/album/4ra0qNTnlZb3pvzYOYXjAj

È uscito su tutti i digital stores Medusa, il nuovo album della band sassarese Il Giardino.

Netta evoluzione rispetto al primo lavoro, presenta arrangiamenti più curati, testi più ragionati ed eleganti e sonorità arricchite dalla presenza dei sintetizzatori. Otto tracce disponibili dal 24 maggio.

A più di un anno dalla pubblicazione de Il mondo in due, i rockers sardi giungono al secondo capitolo con un disco incentrato sul tema della bellezza, mettendo in risalto come, grazie ad essa, l’uomo possa diventare succube e schiavo di ciò che in realtà lo affligge.

Le dipendenze sono un altro tema centrale di Medusa, siano esse dovute a sostanze stupefacenti, sia al dover apparire a tutti i costi e far credere agli altri di essere qualcosa che non si è. Il risentimento mascherato e la statica accettazione della propria condizione fanno da cornice a questo lavoro.

La copertina è stata disegnata da Emanuela Schirone con la pittura ad acquerello ed esprime al meglio, con i suoi colori freddi e penetranti, la bellezza terribile di Medusa, la famosa figura mitologica greca, capace di impietrire chiunque la guardasse negli occhi. Questa metafora è stata utilizzata dalla band per esprimere l’essere impotenti di fronte all’attrazione provata nei confronti di certe persone, le quali a volte ne approfittano per i propri scopi.

Il disco è stato realizzato presso lo studio di Giuseppe Gadau (bassista della nota band sarda Bertas), mentre il primo singolo Non fare il punk! (pubblicato il 27 febbraio come anticipazione dell’album) è stato registrato presso il Rockhaus Blu Studio di Alberto Erre. Tutte le musiche e i testi dei brani sono stati scritti da Alberto Atzori, arrangiamenti ad opera della band.

Il nuovo video-single scelto dalla band è la title track. Diretta da Massimo Pittau, la clip mostra la protagonista (Medusa, interpretata da Valentina Monti) come una vera e propria cacciatrice di uomini, pronta ad uccidere solo perché è la sua natura a richiederlo. Medusa sceglie le sue vittime in una sala da biliardo, riuscendo ad adescare gli uomini fingendo di non saper giocare; chiede dunque alle vittime di insegnarle a tirare, li seduce, li porta a casa sua e li uccide. Un giorno però i suoi piani vengono stravolti: incontra infatti un uomo che accetta la sua indole, anche nel dolore.

È il primo videoclip de Il Giardino a non mostrare i membri della band come protagonisti, bensì come semplici giocatori di biliardo. Il tema della canzone è l’arrendersi alla propria natura e il sopportare le sofferenze dell’inseguire qualcuno, proprio perché si è attratti a tal punto da arrivare a mettere da parte se stessi.

Medusa https://youtu.be/XoBa05CPu-0

Tracklist

1. Medusa

2. Bel rumore

3. Nessun rancore

4. Bambole di carta

5. Vaniglia

6. Non fare il punk!

7. Cicatrici

8. Anemone

Line up

Alberto Atzori – Voce, chitarra
Fabiano Musinu – Chitarra
Carlo Manca – Basso
Simone Giola – Batteria
Edoardo Usai – Tastiere

Biografia

Il Giardino nasce da un’idea di Alberto Atzori (voce) e Fabiano Musinu (chitarra) nel 2010, originariamente con il nome Garden States. I due decidono di fondare una band orientata sulla musica inglese degli anni ’90 e dei primi anni 2000. Inizia la stesura dei primissimi brani, influenzati da band quali Oasis, Kasabian, U2, Radiohead. Nell’estate del 2013, i Garden States autoproducono il primo EP, “Wonders of the World”, seguito poi da “Barking up the right tree!” il 1 Settembre 2014. Seguono svariati live in tutta la Sardegna per promuovere il disco. Nel 2015 la band comincia a comporre in italiano, l’elettronica viene quasi del tutto abbandonata e il nome cambia, per adattarsi alla scrittura dei nuovi testi: nasce così Il Giardino. Nel settembre 2015 la band entra in studio per incidere il primo album intitolato “Il mondo in due”, pubblicato il 31 marzo 2016. Il lancio del disco viene preceduto da concerti universitari, concerti acustici nei licei di Sassari e live in alcuni locali, compresa la partecipazione al contest “Arezzo Wave Festival”, nella data di Cagliari. Il 15 aprile dello stesso anno il gruppo presenta le copie fisiche de “Il mondo in due” presso la Libreria Dessì (Mondadori) a Sassari, ricevendo un ottimo riscontro di pubblico e critica. A seguito della presentazione, la band viene invitata a partecipare al Festival Abbabula 2016, il 14 maggio, per aprire il concerto di Andrea Appino e de I Cani. Il 27 febbraio 2017 esce “Non fare il punk!”, nuovo singolo/videoclip che prelude alla release del secondo album “Medusa” fissata per il 24 maggio.

Foto

Contatti

https://www.facebook.com/IlGiardinoBand/

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

www.blobagency.com

Frank Lavorino 3396038451

CAPOBRANCO: MIELE DI VESPA

Secondo singolo per il trio padovano dall’inconfondibile impronta funk rock, estratto dall’album Il grande zoo, acclamato dalla critica per il groove incisivo e il pungente sarcasmo dei testi.

Genere: funk rock

Label: Jetglow Recordings

Release Date : 21 aprile 2017

https://youtu.be/LJRoa5ddWf0

A pochi mesi dall’uscita dell’EP Il grande zoo, il Capobranco – trio padovano dall’inconfondibile impronta funk rock – lancia il video di Miele di Vespa, secondo singolo che succede a Il rock è fuori moda, estratto dall’album prodotto da Cristopher Bacco e pubblicato da Jetglow Recordings, acclamato dalla critica per il groove incisivo e il pungente sarcasmo dei testi.

Miele di vespa è una canzone un po’ atipica per noi, sotto molti punti di vista.” – afferma la band – “Nei nostri pezzi di solito prendiamo un aspetto della nostra società e lo analizziamo in modo scanzonato e sarcastico, cercando di far riflettere strappando un sorriso. Miele di vespa invece è una storia intima, personale: la storia di una disillusione. Non racconta necessariamente una vicenda d’amore, ma l’intensità e la purezza di un passato sentimento molto forte traspaiono proprio dall’amarezza delle parole con cui ci si rivolge adesso a qualcuno che in modo altrettanto forte ha deluso. E’ la disperata richiesta di sincerità a una persona la cui ipocrisia è stata ormai smascherata.

Allo stesso modo anche il sound della canzone rappresenta un’eccezione rispetto alla maggior parte dei brani del trio, caratterizzati da ritmiche tipiche del funk e basati sul consolidato groove tra basso e batteria. Miele di vespa è un rock più classico, con una ritmica più lineare e un ritornello cantato a pieni polmoni. “E’ difficile citare un gruppo di riferimento, proprio perché si tratta di una formula piuttosto tradizionale, ma nelle aperture di chitarra qualcuno ci ha sentito addirittura delle venature grunge e forse non ha tutti i torti.”

Il video è stato girato in sessioni separate: le riprese in cui la band suona dal vivo sono state effettuate al Laboratorio Culturale I’m di Abano Terme (PD), dove peraltro hanno fatto un concerto la settimana successiva. Le scene di Katia, la bravissima protagonista, sono invece state realizzate a Padova, per le strade della città e in un locale del centro storico. “Per inciso, quando sono state girate queste scene, in cui facciamo anche noi una piccola apparizione, il locale era aperto. Vi lasciamo immaginare le reazioni della gente, che si fermava per strada a guardare le riprese dalla vetrina. Ci auto-citiamo per descrivere come ci siamo sentiti: animali in un grande zoo!

Il Capobranco è al momento ancora impegnato ne Il grande zoo tour, che andrà avanti almeno per tutta l’estate. Il ritorno in studio per la lavorazione del terzo disco è previsto in autunno.

CREDITI

Prodotto e realizzato da Bmovie Italia

Con Katia Riparelli

Direttore della fotografia: Daniele Serio

Montaggio e Color Correction: Alice Lorenzon
Operatore: Mauro Corti

Scenografia: Sergio Bertin

Coordinatrice di Produzione: Alice Laverda
Trucco e Costumi: Anna Dalla Bona

Scritto da Matilde Composta da un’idea dei Capobranco
Un ringraziamento speciale a: Hendrix Bar (Padova) e Associazione Khorakhanè

Riprese effettuate presso:

Laboratorio Culturale I’m, Abano Terme

Hendrix Bar, Padova

Parco Europa, Padova

Contatti

www.facebook.com/iCapobranco

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

antipop.project@gmail.com